Così fan tutti
 











La società di massa ha determinato tra le  altre cose un livellamento universale delle coscienze e una omologazione  dei comportamenti individuali;  su questo argomento sono stati realizzati una quantità incredibile di studi e addirittura  veri e propri trattati. Possiamo però affermare che in tempi recenti o recentissimi, sotto la spinta inarrestabile dei sofisticati “device”  della tecnoscienza,  si è affermata una nuova “filosofia”. Al vecchio adagio secondo cui è sempre meglio salire sul carro del vincitore (il vincitore del momento, quindi senza curarsi  di  apparire  di volta in volta volgari voltagabbana o banderuole in vendita), si sta sostituendo, ovvero in larga parte si è già sostituito,  un  sentimento diverso  che mira a vedersi  protagonisti di  comportamenti talmente diffusi  e/o vincolanti da non potersi sottrarre dal praticarli o meglio interpretarli a propria volta. Se il martellamento pubblicitario costringe in qualche modo a diventare consumatore passivo di questo o quel prodotto, ora si fa strada un sempre più  irrefrenabile desiderio di protagonismo come si evince del resto dall’esplosione delle nuove categorie di  “persuasori”  non più occulti come gli influencer   o  i compulsivi “tastieristi” da competizione.  In altri termini accade che nessuno  vuole sentirsi  escluso  e intende perciò  partecipare alla giostra delle occasioni (illusioni)  da vetrina, comparendo in veste di  primo attore.  Basta vedere quello che accade con i tatuaggi o le acconciature dei capelli e delle barbe od anche  la  sempre più diffusa abitudine  di presentarsi in canottiera (o perfino in mutande) ad eventi  ufficiali e così via. Per ultimo si sta imponendo  la condivisione dello “sfregio” sulla guancia anche se non si sa ancora bene cosavoglia significare. In un famoso film del grande Totò, L’imperatore di Capri, Totò è costretto a un certo punto a gettarsi a mare vestito per recuperare i soldi che aveva nascosto nel cappello  ma i gagà isolani, credendolo un principe orientale eccentrico e miliardario, pensano viceversa  che intenda lanciare una nuova moda e allora tutti giù in acqua vestiti. Si potrebbe dire che si tratta in tutti i casi di una manifestazione di quella che  Sigmund Freud definiva ”la miseria psicologica della massa”.
Non si tratta, beninteso, del solito spirito di gregge giacché in questo caso la pecora non segue stupidamente il capobranco ma si mette in agitazione per diventare o almeno farsi credere esempio e guida di chissà quali nuove avventure. Potremmo forse  affermare che si tratta di un modo alquanto stravagante di intendere la complessità del nostro tempo ma più ancora che ci troviamo  drammaticamente di fronte alla certificazione della crisi del pensiero e alsonno di qualsiasi spirito critico. Non a caso, probabilmente, un grande filosofo come Edgar Morin ha dato al suo recente pamphlet il  titolo esortativo di Svegliamoci!.
Antonio Filippetti






2023-03-01


   
 



 
01-05-2024 - Santi, poeti, navigatori e pure allocconi
01-04-2024 - Il bar dello sport
01-03-2024 - Dov’è il limite?
01-02-2024 - La Presidente Meloni e Napoleone (quello de “La fattoria degli animali”)
01-01-2024 - Aboliamo le pagelle di fine anno
01-12-2023 - La comunicazione dello spettacolo (e lo spettacolo della comunicazione)
01-11-2023 - Una modesta proposta/Un vero anno sabbatico
01-10-2023 - Opposti estremismi
01-09-2023 - I fantocci del teatrino tv
01-08-2023 - Lo specchio dei tempi
01-07-2023 - Verità e informazione
01-06-2023 - Fazio e fazioni
01-05-2023 - Elogio del silenzio
01-04-2023 - Il comune senso del ridicolo e del pudore
01-03-2023 - Così fan tutti