L’omaggio a Napoli di Lello Petrarca
 







Rosario Ruggiero




Sesto cd per Lello Petrarca, terzo in collaborazione con il contrabbassista Vincenzo Faraldo ed il percussionista Aldo Fucile, dopo “Musical stories”, del 2016, e “Reflections”, del 2018.
Titolo di quest’ultima incisione, “Napoli jazzology”, ancora una volta realizzata per Dodicilune.
Seppur da poco in distribuzione, già varie le presentazioni, a tutt’oggi presso il Pecora Nera Jazz Club di Pignataro Maggiore ed alla libreria Spartaco di Santa Maria Capua Vetere. Prevista, per il prossimo luglio, l’esecuzione dei brani nell’ambito di una rassegna nel salernitano.
Stiamo parlando di un disco in cui il giovane pianista di Santa Maria Capua Vetere, dalla già lunga e varia esperienza musicale, ricca di significative collaborazioni artistiche, ribadisce un suo particolare approccio creativo omaggiando Napoli.
«Ho rielaborato a mio modo – dichiara sulla copertina del disco – alcune delle più celebri e amate canzoni napoletane trattedal repertorio classico e moderno, frutto del mio amore per la città di Napoli e per i suoi abitanti».
Perché questo amore?
«Perché ho iniziato a vivere artisticamente sin da piccolo in questa città – ci spiega – che mi ha anche offerto la possibilità di incontrare e collaborare con numerosi colleghi tra i quali mi è particolarmente caro ricordare il sassofonista Daniele Sepe ed il percussionista Enrico Del Gaudio».
La scelta dei brani?
«Indimenticabili classici, più una composizione di Pino Daniele, che ho reputato più idonei tecnicamente per essere rielaborati ritmicamente ed armonicamente senza però mai intaccarne le linee melodiche, garantendone così una pacifica riconoscibilità».
A questo punto non ci resta allora che inserire “Napoi jazzology” nel lettore, iniziare l’ascolto, ed ecco susseguirsi “’O sole mio”, “Funiculì funiculà”, “Gente distratta”, “Reginella”, “Era de maggio”, “Tammurriata nera”, “Passione” e “Resta cu mme” sapientemente rivestite da carezzevolimorbidezze e sottili accentuazioni ritmiche mentre si perpetua l’eterno gioco jazzistico del dialogo tra musicisti attraverso la voce dei propri strumenti musicali, gioco nel quale, particolarmente in questa occasione, l’ascoltatore trova più facile e compiaciuta immersione riconoscendo quanto già noto, al tempo stesso sorprendendosi di quanto gli giunge nuovo, in un godibilissimo ascolto che mescola equamente percezione emotiva e consapevole comprensione razionale.






2022-04-02


   
 



 
01-10-2022 - Ottobre 1917, muore l’autore di “’O sole mio”
01-09-2022 - Casa Museo Enrico Caruso un anno dopo
01-08-2022 - The Turban Project, musica intercontinentale
01-07-2022 - Aumentano gli omaggi napoletani ad Enrico Caruso
01-06-2022 - Musica, meritocrazia e valori epocali
01-05-2022 - Indagine sulla vocalità al femminile
01-04-2022 - L’omaggio a Napoli di Lello Petrarca
01-03-2022 - Celebrata la nascita di Enrico Caruso
01-02-2022 - Musica ed intelligenza
01-01-2022 - Un quarto di secolo per il coro “Soprano Edda Righetto”
01-12-2021 - A Napoli… eppur si suona…
01-11-2021 - Da Mercadante ai giorni nostri
01-10-2021 - Franz Liszt, occasione per una riflessione
01-09-2021 - Donizetti alle falde del Vesuvio nel libro di Mario Di Sapio
01-08-2021 - Casa Museo Enrico Caruso, una riflessione