Il coronavirus e la lezione de “la ginestra”
 











Esistono alcuni eventi (quelli davvero epocali non come accade di sentire ogni giorno a proposito di “bazzecole, quisquilie e pinzellacchere” di cortile)  che possono aiutarci a capire in che mondo viviamo e quali sono i nostri (validi?) interlocutori. L’attuale epidemia del Covid 19, che con ogni probabilità ci accompagnerà nei tempi a venire, può rappresentare se non altro la chiave per capire o almeno riflettere sulla qualità della nostra compagnia e cosa possiamo aspettarci.
Occorre rilevare che anche in presenza di  un evento del tutto eccezionale non si spegne  la  determinazione degli immancabili  Soloni ad autocertificarsi come i primi della classe. Difatti, di fronte all’espandersi dell’epidemia in questione e delle sue drammatiche implicazioni, uno stuolo di presunti numeri uno ha inteso e preteso precipitarsi al proscenio per far sentire la propria voce ma soprattutto per legittimare il proprio ruolodi autorevoli sapientoni. E’ capitato così di vederne e sentirne di tutti i colori (e presumibilmente l’andazzo andrà ancora avanti per chissà quanto tempo), ognuno con la presunzione di avere in tasca il verbo chiarificatore e definitivo. La smania di primeggiare non ha avuto e non sembra avere limiti. Accade così di vedere il politico che non ha mai letto un libro di scienze  affrettarsi  a dettare regole di comportamento,  il critico d’arte che pretende d’insegnare ad un conclamato esperto     cosa  sono e come funzionano determinati farmaci mentre uno stuolo di  “professoroni” assurti improvvisamente alla notorietà mediatica si insultano tra di loro per  disputarsi   il titolo del più bravo; da un’altra parte  ancora  una nutrita  pattuglia di pseudo esperti si fa impetuosamente largo per sciorinare   formule ed algoritmi  di cui dovremo  assolutamente  tener conto per capire comeandranno le cose in futuro. Un vero e proprio circo Barnum in parte perfino inevitabile tenuto conto che il “nemico” è sempre nascosto e silenzioso e soprattutto nessuno conosce la strategia per scovarlo. Ma  “le condizioni del disastro” richiederebbero  almeno   un po’ di   prudenza e moderazione.
 L’improntitudine, come l’infezione, è stata in verità universale, tanto è vero che anche celebrati e spregiudicati leader mondiali come Johnson e Trump hanno dovuto mestamente fare ben presto macchina indietro, sconfitti senza appello - ma ovviamente senza fare mea culpa - dalla realtà circostante. Si potrebbe anche dire ora che è stata persa un’ottima occasione per tacere: ma il problema è in questo caso più serio poiché si ha a che fare con la vita delle persone sotto qualsiasi latitudine. La cautela dovrebbe essere in questi casi un obbligo per chiunque.  Ma così non è, anche perché la tanto venerata comunicazione globale fa la sua parte immettendo nella rete bufale di ogni tipo come i leoni liberati nelle strade per scoraggiare o punire le intemperanze  dei trasgressori   impenitenti.  La retorica d’accatto e la banalità dell’ovvio ha fatto presa però anche tra i “comunicatori ufficiali”, incrinando la credibilità che se non altro  proprio quella funzione   dovrebbe assicurare.  Chi ha o crede di avere un ruolo in prima fila anche in questa delicata e dolorosa vicenda, dovrebbe a maggior ragione essere più attento, farsi per così dire più saggio, lasciando perdere per una volta almeno il desiderio di “cazzeggiare” a qualunque costo e in qualsiasi occasione per non essere relegato, come pure  sarebbe vivamente  auspicabile, all’ultimo banco, quello destinato ai  testoni senza  speranza né futuro.
Antonio Filippetti

 






2020-03-31


   
 



 
01-05-2020 - Il sogno per il dopo coronavirus
01-04-2020 - Il coronavirus e la lezione de “la ginestra”
01-03-2020 - Autoreferenzialità a gogò
01-02-2020 - I dibattiti inutili
01-01-2020 - Capire l’aria che tira nel paese
01-12-2019 - Politica e comunicazione
01-11-2019 - La rivoluzione dei media E se fosse tutto taroccato?
01-10-2019 - Perché il potere dà alla testa
01-09-2019 - Un paese in bambola
01-08-2019 - I social media e la banalità del linguaggio
01-07-2019 - LA POESIA INNANZI TUTTO
01-06-2019 - Lo standard of living
01-05-2019 - Se torna maggio
01-04-2019 - Una crisi universale
01-03-2019 - L’autonomia culturale