Lo standard of living
 











Il nostro diventa sempre più un paese pieno di contraddizioni nel senso che riesce a far convivere stili di vita, atteggiamenti, personaggi assai diversi tra di loro, a prima vista inconciliabili, senza che questo “turbi” poi in qualche modo il comune vivere civile. Stiamo anzi vivendo una fase di marcata assuefazione intellettuale, laddove il gossip o il pettegolezzo occasionale sono bene accetti e il pensiero critico risulta sempre più relegato in secondo piano. Per contro registriamo poi anche – ed ecco la contraddizione – una cocciuta intolleranza nei confronti di mentalità, credenze, stili di vita di chi s’ispira e/o crede in altri valori.
Tutto ciò finisce ovviamente per generare comprensibili perplessità; non si tratta tanto di avere a che fare con atteggiamenti o mentalità diverse ma ugualmente degni di cittadinanza, quanto la creazione di un diffuso clima confusionale laddove risulta difficile orientarsi e soprattuttoricavarne uno status di giudizio. Viene da pensare a una recente vignetta laddove un povero personaggio si chiede perplesso: “Insomma stiamo bene o stiamo male?” E ovviamente non sa darsi una risposta.
 Il problema sta proprio in questo interrogativo irrisolto.  A ben guardare, infatti, esistono anche in casa nostra alcuni livelli di eccellenza: nelle arti come nelle capacità manageriali così come non mancano episodi  di straordinario altruismo e  solidarietà. Si prenda il caso  ad esempio di come la struttura medica-ospedaliera  si è data da fare, con successo, per salvare la piccola Noemi gravemente ferita a Napoli da un  proiettile  sparato da un killer camorrista, oppure si  faccia riferimento alla corsa dei  tanti volontari pronti a    donare  il midollo osseo al bisognoso di turno. A questi atti che potremmo definire di eroico altruismo fa da contraltare un   altrettanto nutrito campionario diferocia e intolleranza: i femminicidi a raffica, i raid malavitosi, il cinismo del malaffare  sempre più diffuso, l’insensibilità e l’intolleranza nei confronti dei  più deboli, il bullismo gratuito (e spesso vigliaccamente giustificato), e via di  questo passo.
La divaricazione tra opposti comportamenti determina alla fine quel clima di sconcerto al quale si è fatto riferimento ed è proprio questa difformità sociale a segnare più decisamente il periodo storico che stiamo vivendo. Ma lo status di un paese, e quello che fornisce un  indice di valutazione civile, non sta negli opposti  estremismi sibbene  in una condizione  diremmo di equilibro grandemente condiviso. Ed è proprio questo che definisce ciò che gli anglosassoni chiamano “standard of living”, vale a dire il grado di vivibilità di un popolo o di una società in un determinato momento storico. Dalle parti nostre sembra viceversa che questa linea mediana di consistenza e certezza siadecisamente  smarrita con tutte le conseguenze che ne derivano.
Antonio Filippetti

 






2019-05-31


   
 



 
01-10-2019 - Perché il potere dà alla testa
01-09-2019 - Un paese in bambola
01-08-2019 - I social media e la banalità del linguaggio
01-07-2019 - LA POESIA INNANZI TUTTO
01-06-2019 - Lo standard of living
01-05-2019 - Se torna maggio
01-04-2019 - Una crisi universale
01-03-2019 - L’autonomia culturale
01-02-2019 - Attualità del capolavoro dei fratelli Marx Freedonia, Sylvania e ….. Salvinia
01-01-2019 - La cultura e la qualità della vita
01-11-2018 - Dove va la scuola
01-10-2018 - I fondi per la cultura
01-09-2018 - Insegnare a fare il proprio dovere
01-08-2018 - Il linguaggio della comunicazione
01-07-2018 - La comunicazione standardizzata