L’anno che verrà
 











L’inizio di un nuovo anno coincide di solito con l’annunciazione di un programma di cose da realizzare; questo vale sia a livello individuale sia per quanto riguarda i “gestori” della cosa pubblica. Il 2018 poi è sotto quest’aspetto particolarmente interessante poiché, com’è ormai acclarato, a marzo ci saranno le elezioni politiche, ovvero la consultazione universale attraverso cui i cittadini eleggeranno il nuovo parlamento e coloro che  avranno il compito di guidare il paese in futuro. Le previsioni tuttavia non solo rosee, tutt’altro. C’è chi prevede un vero e proprio flop che ci costringerà, causa una pessima legge elettorale, a tornare a breve alle urne. Con quali auspici non è dato sapere.
Ma a voler restare coi piedi per terra e a  volersi limitare all’essenziale, visto come sono andate le cose in quest’ultima legislatura, per noi che ci occupiamo prevalentemente di cultura  le preoccupazioni sono più chelegittime. In quest’ultima legislatura abbiamo assistito più che alla progettazione e/o gestione di una politica culturale, allo smantellamento anche di quel poco che ancora restava in piedi. Basti pensare alla scuola  pubblica e a com’è stata amministrata. Il disastro è palese. Altro che “buona scuola”. D’altra parte se si pensa alla “statura” culturale del ministro di riferimento tuttora in carica e alle sue “capacità” espressive c’è da preoccuparsi davvero. Anche per alcuni risvolti  paradossali. Infatti, mentre il ministro stesso non riesce a far pace con i verbi e i comparativi, si pretende che i nuovi assunti per concorso nell’istruzione scolastica, al di là della materia per cui concorrono, siano chiamati a sostenere un colloquio in lingua inglese (sic!). Un ulteriore affronto per l’idioma  di Dante e Leopardi.  Nel momento in cui l’Inghilterra decide di staccarsi dall’Unione Europea, in Italia si pensa di verificare le competenze culturali degli addetti conun esame in inglese. Mentre verifichiamo già da tempo  come l’uso “maccheronico” della lingua di Albione venga  utilizzato a sproposito nell’informazione, nella politica, nell’economia,  privilegiando quasi sempre  una versione  “onomatopeica” e senza alcuna esigenza concreta.
La verità è che la cultura nel nostro paese soffre da lungo tempo perché sempre meno e meno qualificati sono coloro che per ruolo istituzionale dovrebbero essere i paladini e i promotori della sua diffusione. Ma, cosa ancor più grave, è che la cultura, al di là dei proclami di  rito o di facciata,  interessa sempre meno i padroni del vapore e semmai, più che apprezzata, è  temuta  e vista con sospetto giacché essa  induce  per vocazione a pensare e riflettere e viceversa, in una società come quella che si sta compattando, sempre più appiattita e livellata sui ”selfie” di massa, fa  molto più comodo circoscrivere e isolare la cultura ed i suoisostenitori  per avere  poi le mani libere  per  poter brigare  tra intrallazzi  e maneggi vari.
Antonio Filippetti






2017-12-31


   
 



 
01-09-2018 - Insegnare a fare il proprio dovere
01-08-2018 - Il linguaggio della comunicazione
01-07-2018 - La comunicazione standardizzata
01-06-2018 - Il Nobel postdatato
01-05-2018 - Per chi suona la campana
01-04-2018 - Una giornata particolare
01-03-2018 - Libro e moschetto
01-02-2018 - La scomparsa della cultura
01-01-2018 - L’anno che verrà
01-12-2017 - Il successo “prezzolato” degli scrittori
01-11-2017 - Il linguaggio divisivo nella società globale
01-10-2017 - La cultura del peperoncino
01-09-2017 - La letteratura del Sud e i programmi scolastici
01-08-2017 - La promozione della lettura
01-07-2017 - La RAI salvata da Fazio