Il libro dei sogni
 







Antonio Filippetti




Si è da poco concluso il salone del libro di Torino e  a quanto pare  è stato un successo; solo qualche settimana prima  ha chiuso  i battenti quello degli “scissionisti” di Milano e non è andata così male visto che era la prima edizione. Ora, forse per non essere da meno, Napoli di kermesse del genere ne ha in cantiere addirittura tre.  Sulle prime verrebbe da pensare che mai come in questo momento il “prodotto libro” stia andando a gonfie vele. La realtà viceversa sembra dire cose diverse.
L’offerta editoriale è sicuramente massiccia visto che in un anno si pubblicano circa cinquantacinque mila titoli; il problema è, purtroppo, che mancano i lettori e mai come in questo caso occorre prendere atto che offerta e domanda non  sono per niente in sintonia. I nostri concittadini a quanto pare non amano leggere, semmai preferiscono scrivere. Stiamo diventando un popolo di scrittori (oltre che di santi, eroi enavigatori). Le cifre non danno scampo e sono in questo senso allarmanti. Soltanto quattro italiani su dieci, infatti, leggono un libro (sic!) all’anno, percentuale che si riduce notevolmente allorquando la statistica chiede  una lettura più  corposa e frequente. C’è poi da sottolineare che il dato si riduce ancora quando si passa ad analizzare la situazione  nel Mezzogiorno e in altre aree del paese. Stando così le cose fa quasi tenerezza dover segnalare la generosa testardaggine di chi si ostina a proporre fiere editoriali ed altre cose  del genere destinate a valorizzare il mercato   librario. 
Naturalmente il libro andrebbe sostenuto e promozionato non solo occasionalmente ma a ciclo continuo; quello che sorprende è, per così dire, il livello d’ingenua approssimazione con cui si pensa di farlo.  In  primis occorre prendere atto dell’assoluta indifferenza delle istituzioni, infarcite come sono di personaggi che amano soltanto lapasserella rituale e che probabilmente non fanno nemmeno parte di quell’esigua schiera di lettori che qualche libro l’hanno almeno letto. Speculare a tutto ciò appare l’esercito degli “organizzatori” dei premi e dei festival che pullulano senza tregua e si trastullano nell’assegnare e assegnarsi laudi ed encomi.
Ma probabilmente  il limite maggiore consiste nella incapacità di formare almeno un gruppo compatto in grado di unire le magre risorse (in tutti i sensi) per far causa comune  e parlare con una sola voce, senza innamorarsi della propria ombra e lavorando assiduamente con le residue forze disponibili per contrastare soprattutto l’abulia e l’inerzia di chi non riesce a comprendere quanto sia  essenziale per la civiltà conoscere e studiare  ciò che nei libri (quelli veri beninteso) è racchiuso. Manca in realtà una politica della lettura che dovrebbe chiamare all’esercizio continuo scuole, università, associazioni, accademie, mezzi di comunicazione erealizzare una vera rete d’interessi sparsa sul territorio, dalle Alpi alla Sicilia, senza conflitti di campanile e pretese di primati, ma realizzando possibilmente una fiera itinerante al solo scopo di promuovere e valorizzare quella “sensata esperienza” che si chiama lettura.
Antonio Filippetti






2017-06-01


   
 



 
01-10-2017 - La cultura del peperoncino
01-09-2017 - La letteratura del Sud e i programmi scolastici
01-08-2017 - La promozione della lettura
01-07-2017 - La RAI salvata da Fazio
01-06-2017 - Il libro dei sogni
01-05-2017 - Totò per sempre
01-04-2017 - Memoria e cultura: celebrazioni a confronto
01-03-2017 - Finzione e realtà: un paese che ha bisogno di un commissario
01-02-2017 - Il ritorno degli intellettuali
01-01-2017 - La letteratura del Sud e i programmi scolastici
01-12-2016 - Bestiario italiano: tra coccodrilli e gattopardi
01-11-2016 - Ok. J’m neapolitan
01-10-2016 - Italianisti a congresso a difesa della lingua
01-09-2016 - A margine del sisma/Informazione & Informazione
01-08-2016 - Eventi senza cultura