La cultura dimenticata
 











Sui risultati  delle recenti elezioni amministrative si  sono esercitati in molti, come al solito, giustificando cioè se stessi  con l’immarcescibile pretesa d’”aver visto giusto”. Lascio questa tiritera ad altri, e mi limito ad una semplice riflessione. L’interesse  per il voto è acqua passata, le elezioni non hanno “appeal” malgrado lo strombazzamento dei media e dei vari apparati. In particolare nelle grandi città chiunque sia stato eletto è bene che sappia d’essere un sindaco fortemente minoritario rispetto alla volontà di coloro che nonostante tutto è chiamato a rappresentare e amministrare. Infatti col cinquanta percento dei non votanti, il sindaco può a malapena contare sul sostegno al massimo  di un venti percento  del corpo elettorale; Il che significa che otto cittadini su dieci o lo hanno ignorato o gli hanno votato contro. E stiamo parlando ovviamente del vincitore della competizione. Di questodato, una volta spente le luci e finito il bailamme elettorale, nessuno però  (ovvero nessun eletto), ne terrà conto. E si tratta invece di una circostanza certamente non secondaria  che  affligge il cuore della democrazia specie in un paese come il nostro dove  molti  standard di “civiltà condivisa” sono ancora da conseguire.
Tuttavia la considerazione più pregnante potrebbe essere un’altra e che attiene al cuore stesso del problema, vale a dire al disinteresse con cui anche eventi per determinati aspetti decisivi, vengono oscurati nella coscienza popolare. Il fatto è che manca “a monte” una politica culturale in grado di far capire il valore della posta in gioco ma più ancora  declinare il proprio interesse per  tutto ciò che  definisce e sostanzia una vera democrazia in termini cioè, di eguaglianza, solidarietà, passione civile, ecc. Viceversa tutto  sembra ridursi a beghe di quartiere, interessi settari,  litigi da talk-shows ecosì via.  Far rinascere il sentimento della cultura dovrebbe alimentare lo spirito di chi è preposto per così dire a guidare il carro, facendo tesoro dell’ammonimento di  Charles de Montesquieu secondo cui  “la tirannia di un principe in oligarchia non  è pericolosa per il bene pubblico quanto l’apatia di un cittadino in una democrazia”.  Qui invece si continua  a strombazzare parole al vento, a parlare cioè senza dire nulla.
Antonio Filippetti






2016-06-30


   
 



 
01-08-2017 - La promozione della lettura
01-07-2017 - La RAI salvata da Fazio
01-06-2017 - Il libro dei sogni
01-05-2017 - Totò per sempre
01-04-2017 - Memoria e cultura: celebrazioni a confronto
01-03-2017 - Finzione e realtà: un paese che ha bisogno di un commissario
01-02-2017 - Il ritorno degli intellettuali
01-01-2017 - La letteratura del Sud e i programmi scolastici
01-12-2016 - Bestiario italiano: tra coccodrilli e gattopardi
01-11-2016 - Ok. J’m neapolitan
01-10-2016 - Italianisti a congresso a difesa della lingua
01-09-2016 - A margine del sisma/Informazione & Informazione
01-08-2016 - Eventi senza cultura
01-07-2016 - La cultura dimenticata
01-06-2016 - Dopo venticinque anni