Tre donne in fuga
 











Non accade spesso nella narrativa contemporanea d’incontrare narrazioni  con al centro protagoniste femminili;  anche quando gli autori sono donne non è poi così  frequente imbattersi in  “eroine” protagoniste di storie ed avventure varie. Forse anche perché troppo spesso la “fiction” privilegia il cliché  della detective story  laddove la scena è inevitabilmente  occupata dal commissario o dall’investigatore di turno che fagocita  quasi sempre la scena del cosiddetto “plot” narrativo.
Luigi Mazzella supplisce, se così si può dire, a questa carenza proponendoci un romanzo in cui le protagoniste sono tre donne le cui storie, come segnala apertamente  il titolo, testimoniano una dichiarata  “fuga dall’intimità”. E se si svolesse analizzare più dettagliatamente il libro, si potrebbe anche concludere che si tratta di tre romanzi in uno, nel senso che Mazzella non si limita ad una sola storiama ne unisce ben tre vincolandole al nome delle rispettive protagoniste: Norina, Jacqueline e Karla. Tutte e tre sono personaggi alla ricerca di un qualcosa, uno spessore identitario ma sono più che altro accomunate da un desidero di evasione, o come suggerisce il titolo, di fuga da se stesse ovvero dalla propria intimità. Ciascuna donna è legata a una sua particolare peculiarità psicologica ed esistenziale: Norina è la paurosa, Jacqueline l’anaffettiva, Karla la vittima, ma incarnano tutte un senso di sgomento e di frustrazione, come se fossero sempre alla ricerca  di  un dato certo  che puntualmente  sfugge loro , e che potrebbe viceversa assicurare  una dimensione di vita  non effimera ed in qualche misura “certificata”.
Non è da considerarsi secondaria la scelta dello scrittore di porre le donne al centro della scena, soprattutto in un momento come quello attuale in cui la specificità del genere femminile viene tanto spesso brutalmente penalizzata.La problematicità della vita delle protagoniste delle tre storie di Mazzella acquista allora una valenza che va perfino al di là dell’ambito letterario, ma se la letteratura ha un valore, come deve essere per la  sua stessa natura, la scelta appare  anche come una esigenza civile oltre che letteraria.  Lo scandaglio della personalità delle tre protagoniste non resta inespresso, infatti, e va sottolineata  la volontà dell’autore di indagare con mano ora leggera ed ora  più incisiva, sui tratti caratteriali della psiche  femminile. Ma fare in modo che sia la donna ad occupare “l’espace littéraire”  fornisce anche la misura  di  una disposizione intellettuale di grande momento su cui occorrerà riflettere  - e molto – anche in avvenire.
Antonio Filippetti

Luigi Mazzella
“In fuga dall’intimità”
Tre storie di donne
Avagliano Editore, pp.400, euro 18,00

 






2016-02-28


   
 



 
01-06-2017 - RITMI E COLORI DEL BRASILE
01-05-2017 - TOTÒ: VITA, OPERE E MIRACOLI
01-05-2017 - Chi ha paura della psicoanalisi?
01-03-2017 - La complicità del perdono
01-02-2017 - Carmen Moscariello e il “Tunnel dei sogni” La rivincita della parola poetica
01-12-2016 - Corrado Calabrò, una vita in poesia
01-01-2004 - Corrado Calabrò, una vita in poesia
01-11-2016 - AMALIA GALANTE Il Cristianesimo nella storia e il pensiero dell’uomo nel tempo che gli fu assegnato”
01-10-2016 - LA CITTÀ NELL’ANIMA LUIGI IMPIERI
01-09-2016 - La scrittura e la malattia nell’analisi critica di Carlo Di Lieto
01-06-2016 - COME SE NIENTE FOSSE
01-04-2016 - Edmond Jabès e Il libro delle interrogazioni
01-02-2016 - Tre donne in fuga
01-02-2016 - Se il detective è donna
01-02-2016 - La poesia di Lucia Stefanelli e la parola “definitiva”