I percorsi della creatività
Il primo evento è dedicato ai venti poeti di “Liberi in poesia”
 






Istituto della Enciclopedia Treccani,Napoli
Il 29-5-2019
il ciclo -I percorsi della creatività- curato da Antonio Filippetti




CHI HA PAURA DEI POETI?                                                                                                       
E’ sensazione condivisa pressoché unanimemente che viviamo una fase storica ricca di contraddizioni e  anacronismi. Accade cioè che la giostra quotidiana in cui dipaniamo la nostra esistenza gira sempre più freneticamente  senza soffermarsi a riflettere e pensare. Inun contesto del genere appare scontato che la passione  per la poesia ed i suoi operatori (o estimatori) debba fatalmente  restringersi  fino  ad essere per così  inghiottita nell’epicentro del proprio vortice. E tuttavia – e per contrasto – non sono davvero pochi coloro che a vario titolo si cimentano con il “genere” producendo a vari livelli e con gli esiti più disparati “prodotti” poetici. Come conciliare questi due opposti?
La risposta a questo interrogativo   non è  così semplice ma qualche tentativo  per chiarirci almeno le idee possiamo farlo.   Cominciamo allora col dire che la poesia ed i poeti non hanno mai avuto fortuna nella nostra società. E giova qui forse ricordare le illuminanti  osservazioni che ci ha lasciato il più grande degli “operatori del settore”, come si direbbe oggi con linguaggio burocratico, vale a dire Giacomo Leopardi.
Il grande poeta recanatese si poneva appunto il problema della scarsaconsiderazione riservata ai poeti (e ai filosofi, ed oggi Leopardi è considerato, guarda caso, anche uno dei maggiori filosofi dell’Occidente) e cercava di individuarne le ragioni con palpitante e amara precisione. Conviene   trascrivere allora  per intero la sua  riflessione che mantiene più che mai il valore di una vera e propria diagnosi. Scrive infatti Leopardi:”La poesia e la filosofia  sono entrambe del pari quasi la sommità dell’umano spirito, le più nobili e le più difficili facoltà a cui possa applicarsi
l’ingegno umano.  E malgrado di ciò,e dell’esser l’una di loro, cioè la poesia, la più utile veramente di tutte le facoltà,sì la poesia,  come la filosofia sono  del pari le più sfortunate e dispregiate di tutte le facoltà dello spirito. Tutte le altre danno pane, molte di loro recano onore anche durante la vita,  aprono l’adito alle dignità,ec.: tutte le altre dico fuorché queste, dalle quali non v’è a sperare  altro chegloria, e soltanto dopo la morte. Della sorte ordinaria dei poeti mentre vivono non accade parlare. Chi s’annunzia per medico, per legista, per matematico, per geometra, per idraulico, per filologo, per antiquario, per linguista, per perito anche in una sola lingua; il pittore eziandio e lo scultore e l’architetto; il musico, non solo compositore ma esecutore, tutti questi son ricevuti  nelle società con piacere, trattati nelle conversazioni e nella vita civile con istima, ricercati ancora, onorati, invitati e quel ch’è più premiati, arricchiti, elevati alle cariche e dignità. Chi s’annunzia solo per poeta o per filosofo, ancorch’egli lo sia veramente, e in sommo grado, non trova chi faccia caso di lui, non ottiene neppure ch’altri gli parli con leggiere testimonianze di stima. La ragione si è che tutti si credono esser filosofi, ed aver quanto si richiede ad esser poeti, sol che volessero mettere in opera o poterlo facilissimamente acquistare e adoperare. Laddove chi non èmatematico, pittore, musico,ecc. non si crede di esserlo, e riguarda come superiori per questo conto a lui ed al comune degli uomini, quei che lo sono. Il genio, da cui principalmente pende e nasce la facoltà poetica e la filosofica, non si misura a palmi, come ciò che si richiede a esser medico o geometra. Quindi nasce che quello ch’è più raro tra gli uomini tutti si credano possederlo. E quindi è che le due più nobili, più difficili e più rare, anzi straordinarie, facoltà, la poesia e la filosofia, tutti credano possederle o poterle acquistare a loro voglia. Oltre che il genio non può essere né giudicato, né sentito, né conosciuto, né aperçu che dal genio. Del quale mancando quasi tutti, nol sentono né s’avveggono quand’ei lo trovano. E il gustare, e potere anche mediocremente estimare il valor delle opere di poesia e filosofia, non è che de’ veri poeti e de’ veri filosofi, a differenza delle opere delle altre facoltà”.
Dovremmo forse domandarci che cosa sia la poesia e a cosaserva. Se, come affermava Georges Bataille , “la poesia è il nostro fondamento ma non sappiamo definirla” (difficoltà di definire gli assoluti  speculare ad esempio  a quanto  aveva affermato Agostino a proposito del  tempo), potremmo in qualche misura farci una
ragione della scarsa considerazione in cui sono tenuti i poeti anche se in un altro memorabile passo proprio  Leopardi definisce  la poesia come l’espressione linguistica più alta dell’animo umano.
Nella società della globalizzazione  e dell’accumulo indiscriminato o meglio acritico dei saperi, la stessa espressione linguistica tipica della poesia incontra sospetti e più ancora difficoltà ad affermarsi;con acuta amarezza George Steiner ci ricorda che “la funzione del poeta nella nostra società e nella vita delle parole è fortemente diminuita” e se non riusciremo a  dare alle parole una certa dose di chiarezza e di rigore di significato, la nostra vita si avvicinerà ancora di più alcaos;  ma è fondamentale riflettere anche  sul fatto che la poesia “pretende”  due fondamentali prescrizioni: la prima è che esige la necessità di fermarsi a riflettere e l’altra che si esercita inevitabilmente  nella sfera dell’immaginazione e quindi con un canone espressivo vago e interminato oltre che fortemente soggettivo.
Per quanto riguarda il primo punto sarà forse opportuno ricordare che l’espressione poetica, per natura complessa e ambigua, richiede un tempo per così dire di comprensione adeguato, spesso non breve per cui è necessaria più  di una lettura del testo, uno sforzo di immedesimazione, insomma un insieme di disponibilità che la società “liquida” dei nostri tempi non sembra esser disposta a concedere. Al giorno d’oggi, infatti,  si pretende d’interpretare tutto in tempi rapidi (la contaminazione dell’”on line” non ammette deroghe), vale a dire che  il “tempo reale” pregiudica ogni giudizio o peggio ancora  vanifica  ildesiderio di interagire sul serio, di predisporsi in sintonia col testo e con l’autore: tutto deve essere  insomma “fast”, ovvero  bruciato nell’istante, consumato immediatamente per dedicarsi ad altro.
Per quanto attiene invece all’altro aspetto, ci viene in soccorso ancora una riflessione leopardiana. Scrive infatti il poeta:”Tutte le qualità del linguaggio poetico, anzi il linguaggio poetico esso stesso, consiste, se ben l’osservi,  in un modo di parlare indefinito, o non ben definito, o sempre meno definito del parlar prosaico o volgare”. Il linguaggio contemporaneo, infarcito di modi di dire sciatti  e banali ovvero di locuzioni esterofile omologanti, tende viceversa a restringere il campo stesso  dei significati imponendo di primo acchito una strumentalizzazione del senso
che non  lascia  spazio alla immaginazione; in altri termini è come se  si verificasse  un processo di progressiva “pornografia” linguistica che svela tuttosenza nulla concedere   né alla fantasia né  alla consapevolezza  di sé. Il dato finale è che sembra sia necessario sottomettersi ad un gergo illetterato nel quale la parola stessa perde di significato e l’unica alternativa   a questa disumanizzazione disarmante  sembra essere quella di tacere. Moriremo allora di silenzio?
E qui viene in evidenza  il punto focale: la poesia è, come e più ancora delle altre forme d’arte , capacità inventiva, espressione di quella  libertà di pensiero che la società attuale, sempre più preda di meccanismi addomesticanti, tende tenacemente a contrastare se non abolire del tutto.  Il poeta reclama  sempre la propria individualità soggettiva  e non può sottomettersi alla  normalizzazione che è in  atto anche negli standard espressivi correnti. Probabilmente proprio perché ciascuno conserva in fondo all’anima questo desiderio d’essere libero e di dar corso alla propria creatività,registriamo la presenza di un così alto numero di  poeti, al di là degli esiti che ciascuno riesce a conseguire in termini di valore  o sotto il profilo critico. La “società amministrata” ha in sospetto le voci diverse cioè non strumentalizzabili, tende a plasmare  un universo uniforme, popolato  da “individui senza individualità”  e per questo ha probabilmente anche  paura della poesia. Perché  la poesia  rende liberi, non essendo censurabile  anche quando per amore o per forza s’instrada  nei gangli dei meccanismi editoriali dominanti. A pensarci poi bene non potrebbe essere diversamente poiché la poesia è, come ebbe a scrivere I. A. Richards, “una musica d’idee”, il che significa poi che è niente  altro se non  una lunga,difficile , armoniosa meditazione sull’esistenza,  e tuttavia  la sola capace, per richiamare  un’ultima volta Leopardi,  di aggiungere “un filo alla tela brevissima della nostra vita”.
La vocazione della poesia (i manager della globalizzazione parlerebbero di ”core business”) è quella di proporre  allora  una riflessione  sulla funzione indispensabile della creatività nella società di oggi  e proprio  questa  sua peculiarità  testimonia l’ esigenza  di ritrovare  intorno ad essa   il senso del  destino e del percorso esistenziale che ci accomuna. 
Antonio Filippetti






2019-05-28


   
 

 

© copyright arteecarte 2002 - all rights reserved - Privacy e Cookies